Google Traduttore sincronizzerà la cronologia con il proprio account Google

Google Traduttore

Google ha lanciato in sordina una nuova funzionalità per Google Traduttore: la sincronizzazione delle ricerche sul proprio account Gmail, per permetterci di trovare le nostre traduzioni su tutti i dispositivi.

Nel febbraio 2020, Android Police aveva anticipato che l’azienda stava esaminando una funzione per sincronizzare la cronologia delle ricerche tra tutti i dispositivi tramite l’account Google. Ora, alcuni lettori hanno ricevuto un invito a salvare la cronologia delle ricerche, gestire il registro delle attività o continuare a utilizzare l’app senza un account.

Affinché la sincronizzazione funzioni, è necessario verificare che il parametro “Attività sul web e applicazioni” sia attivato sul proprio account Google. Autorizza la registrazione della propria attività sui servizi Google (localizzazione ad esempio). Sincronizzazione della cronologia che avviene più volte al giorno.

Come accedere alla cronologia

Nell’app Google Translate si potrà accedere alla cronologia delle ricerche in diversi modi. Il primo è semplicemente far scorrere il dito dall’alto verso il basso nella schermata iniziale. Si può accedervi anche cliccando sulla propria immagine del profilo in alto a destra e poi cliccando su “Cronologia”. Infine, nella schermata di input, troverai l’icona della cronologia in alto a destra (è un orologio con una freccia che va in senso antiorario).

Come disabilitare la cronologia

Nella pagina di supporto dedicata, apprendiamo che per disattivare questa sincronizzazione automatica, bisognerà semplicemente disconnettere il proprio account Google dall’applicazione. Non esiste quindi un parametro dedicato per disattivarlo. Alcuni apprezzeranno questa funzione che permette di preservare al meglio la riservatezza dei dati. Vedremo quindi ancora una cronologia delle ricerche, ma sarà solo quella del proprio dispositivo, in locale.

L’articolo Google Traduttore sincronizzerà la cronologia con il proprio account Google sembra essere il primo su Cellulare Magazine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *