Recensione Xiaomi 11T Pro (foto e video)

Se vi sembrava che Xiaomi avesse rallentato la frequenza dei suoi lanci vi sbagliavate di grosso, anche se è indubbio come recentemente quasi tutti gli smartphone lanciati sul mercato fossero a marchio POCO o Redmi. Torna quindi la linea “11” per la prima volta senza il prefisso “Mi”. Una nuova era, che parte da Xiaomi 11T Pro.

LEGGI ANCHE: Recensioni Xiaomi




8.0

Confezione

All’interno della confezione di questo 11T Pro troviamo un cavo USB/USB-C e a far da catalizzatore dell’attenzione l’alimentatore da ben 120W. Una potenza che nella maggior parte dei casi non è riservata neanche ai notebook. E non solo un alimentatore del genere viene gestito dallo smartphone, ma viene anche incluso nella confezione.




8.5

Costruzione ed Ergonomia

Xiaomi 11T Pro è uno smartphone elegante e al tempo stesso riconoscibilmente Xiaomi. Il profilo è in metallo mentre i due vetri sono Gorilla Glass Victus. Il retro lucido trattiene un po’ le impronte, ma nel complesso è godibile, soprattutto grazie ad un modulo fotografico solo appena sporgente (e l’averlo diviso in due “gradini” migliora questo aspetto). Non è nel complesso leggerissimo (sono 203 grammi di peso), ma viste le dimensioni durante l’utilizzo non si nota particolarmente del peso in eccesso. Non c’è protezione ad acqua e polvere ufficiale ma il test via software rileva un qualche tipo di resistenza all’acqua, forse simile allo splashproof del modello dello scorso anno.




8.5

Hardware

Da vero top di gamma l’hardware di questo 11T Pro di Xiaomi, che non vuole inciampare sulle “cose semplici”. Abbiamo un processore Snapdragon 888 octa core da 2,84 GHz e GPU Adreno 660. Abbiamo poi ben 8 GB di RAM LPDDR5 e 256 GB di memoria interna UFS 3.1, anche se ancora una volta non espandibili. Parlando di tasti dolenti è ancora assente il jack audio da 3,5 millimetri per le cuffie. Sì, siamo degli inguaribili nostalgici. Ottima la connettività: 5G, Wi-Fi 6, Bluetooth 5.2 e porta infrarossi. Buono l’audio stereo (affinato da Harman/Kardon), anche se il contributo del secondo speaker superiore è decisamente sbilanciato rispetto allo speaker inferiore. In termini di prestazioni lo Snapdragon 888 svolge un compito egregio, anche se con un utilizzo intenso prolungato tende a scaldare sulla parte posteriore. L’impatto energetico è comunque tutto sommato limitato, con qualche eccezione. Il sensore di prossimità di questo smartphone funziona meglio di tanti altri smartphone Xiaomi, ma non è del tutto esenti da difetti durante le telefonate.

SCHEDA: Xiaomi 11T Pro




8.0

Fotocamera

Il comparto fotografico di questo smartphone è un mix particolare. Il sensore principale è ancora una volta degno indubbiamente di attenzione: è una 108 megapixel ƒ/1.85 con tanto di stabilizzazione ottica dell’immagine. Decisamente meno emozionanti gli altri sensori: 8 megapixel ƒ/2.2 grandangolare, 5 megapixel ƒ/2.4 macro e 16 megapixel frontale, che è un passo indietro rispetto allo scorso anno.

Le foto dal sensore principale sono molto buone e anche se con luce “intermedia” a volte i colori possono apparire un po’ spenti, così come può mancare un po’ di nitidezza, queste sono le maggiori differenze rispetto ad una fotocamera top di gamma. Funziona molto bene anche la fotocamera in modalità notturna, che con un tempo di appena un paio di secondi riesce a realizzare scatti decisamente interessanti. Come già detto, decisamente meno emozionanti le altre fotocamere. È comunque piacevole averle a disposizione per contesti particolari in cui realizzare una foto un po’ diversa. Buona la modalità ritratto e sufficienti i selfie.

Molto bene nel complesso la parte video, sempre se limitiamo il tutto alla fotocamera principale che in 4K a 60fps garantisce video molto definiti e anche molto stabili. Se dovesse servirvi per situazioni “estreme” c’è anche una modalità HDR (che però riduce l’effetto della stabilizzazione). Scarsissima stabilizzazione ma estremo dettaglio per i video in 8K: comunque interessante da avere per usarlo su di un cavalletto. Solo Full HD per la grandangolare (a 30fps) e la frontale (a 60fps). Ci sono anche nuove modalità video cinematografiche: tutte simpatiche ma non aspettatevi video davvero cinematici.




9.0

Display

Xiaomi 11T Pro ha a disposizione un display da 6,67 pollici di diagonale con risoluzione di 1080 x 2400 pixel e tecnologia AMOLED. Questo schermo (piatto) supporta il refresh rate a 120 Hz, il touch sampling a 480 Hz e anche la tecnologia Dolby Vision, oltre alla riproduzione dei colori a 10bit. Uno schermo quindi che non sfigurerebbe neanche su di un top di gamma, con solo minime variazioni cromatiche inclinando lo schermo, tipiche dei pannelli AMOLED.




8.5

Software

Lo smartphone top di gamma di Xiaomi arriva sul mercato con l’interfaccia MIUI 12.5.4 basata su Android 11 aggiornato al momento della prova con le patch di luglio 2021. Il software offre tutto quello che vi aspettereste dal software dell’azienda cinese. Abbiamo i temi, la modalità scura automatica, il “nuovo” centro di controllo diviso dalle notifiche (ma ri-unificabile a piacimento), il secondo spazio per dividere vita privata e lavorativa e il turbo videogiochi per massimizzare le prestazioni e minimizzare le distrazioni durante le sessioni di gioco. Presente ancora una volta anche la gestione delle app in finestra. Tutto il sistema è fluidissimo e non abbiamo incontrato bug particolari o rallentamenti visibili.




8.0

Autonomia

Questo nuovo smartphone Xiaomi ha a disposizione una corposa batteria da 5.000 mAh che garantisce discreti risultati in quasi ogni condizione. L’autonomia reagisce abbastanza bene agli sforzi richiesti da operazioni come registrare video o giocare, mentre va pesantemente in difficoltà quando la richiesta energetica è al massimo, situazione che noi siamo però riusciti a simulare solo con i benchmark. Un’autonomia nella media viene però resa decisamente allettante da una della caratteristiche principe di questo smartphone: la ricarica a 120W con l’alimentatore incluso in confezione. La batteria è divisa in 2 con due punti di ricarica per ricevere ciascuno solo 30W di potenza e non deteriorare quindi troppo la batteria.




7.5

Prezzo

Xiaomi 11T Pro ha un prezzo di 649€ nel taglio da 128 GB e 699€ per quello da 256GB. Cinquanta euro in più dello scorso anno. Saranno disponibili entrambi dal 28 settembre su mi.com, mentre solo la versione da 128 GB sarà disponibile su Amazon, e quella da 256 nei Mi Store. Solo per il lancio e fino a esaurimento scorte 11T Pro da 128 GB sarà venduto a 599€ su mi.com con in omaggio anche una Mi TV P1 32″. Sempre per lo stesso lasso di tempo ci sarà un voucher di 100€ per l’acquisto su Amazon (quindi 549€).

Foto

L’articolo Recensione Xiaomi 11T Pro (foto e video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *