Recensione Fossil Gen 5E (foto)

Circa un anno e mezzo fa recensivamo lo smartwatch Wear OS di Fossil di quinta generazione. Alla fine dello scorso anno Fossil ha deciso di rinnovare il prodotto lanciando sul mercato una variante 5E, che si affianca al modello già citato. Visto che i due smartwatch sono estremamente simili, andremo qui a concentrarci sulle differenze fra i due e a capire se Fossil 5E sia sensato nel 2021. Per tutto il resto vi consigliamo la lettura della recensione di Fossil Gen 5.

La prima cosa che si nota è che Gen 5E si presenta come uno degli smartwatch più eleganti sul mercato. La versione in acciaio nera da noi provata ci ha da subito convinto. Pesa 80 grammi, meno di quanto si potrebbe chiedere, e al polso fa indubbiamente la sua bella figura. Sul lato destro il tasto centrale è ora incastonato fra due protuberanze a protezione e i tasti aggiuntivi sono spariti. Sparita anche la corona circolare del tasto centrale. Poco male, anche se sicuramente era una caratteristica distintiva.

Il display è un ottimo 1,19 pollici di diagonale con risoluzione 390 x 390 pixel. È luminoso ed è in tecnologia AMOLED. Rispetto alla generazione precedente ha però perso la luminosità automatica. Non è un grande difetto, ma probabilmente avrebbe aiutato a contenere però i consumi energetici durante le ore serali (dove la luminosità rimane quindi la stessa che avete usato per tutto il giorno).

L’ultima vera novità è nella scomparsa del GPS per il posizionamento. Se si vuole quindi sfruttarlo per tracciare il movimento durante l’attività fisica bisognerà andare a fare riferimento a quello dello smartphone, che dovremo quindi portarci appresso. È un peccato, ma consideriamo anche che l’autonomia ridotta non lo ha mai reso un prodotto pensato per gli sportivi, se non per quelli occasionali.

Per il resto abbiamo l’ottima piattaforma Wear OS di Google, che abilita funzioni come Google Assistant, i pagamenti NFC con Google Pay o l’installazione di app tramite il Play Store. La fluidità del sistema è discreta, seppur non impeccabile. Come ci ha abituato il processore Snapdragon Wear 3100.

L’autonomia purtroppo rimane quella di sempre: un giorno di utilizzo, senza però avere abbastanza autonomia per tracciare anche il sonno (lo farebbe e anche con buona precisione) o per una lunga serata fuori con gli amici. Per fortuna una ricarica completa richiede solo un’ora e quindi con un po’ di tempo sul caricabatterie magnetico potrete recuperare un po’ di energia per le vostre serate più lunghe.

Fossil Gen 5E ha un prezzo “ribassato” di 229€. Non sono pochi e per fortuna su Amazon costa poco circa 160€. Per assurdo però al momento il Gen.5 costa ancora meno (circa 165€).

L’articolo Recensione Fossil Gen 5E (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *