OnePlus annuncia la fusione con Oppo per creare sinergie

Da oltre un anno, OnePlus è sembrata essere più vicina ad Oppo. Uno dei due co-fondatori dell’azienda, Carl Pei, ha lasciato l’azienda nell’ottobre 2020 dopo il lancio di OnePlus North mentre, l’attuale CEO, Pete Lau, è diventato responsabile dei prodotti OnePlus, Oppo e Realme.

Oggi è arrivato l’annuncio ufficiale. Sui forum di OnePlus, Pete Lau ha annunciato quella che sembra a tutti gli effetti una fusione per creare sinergie:

Come sapete, l’anno scorso mi sono assunto maggiori responsabilità per gestire la strategia di prodotto di OnePlus e Oppo. da allora, abbiamo alcuni dei nostri team in quelli di Oppo per semplificare le nostre operazioni e capitalizzare le risorse disponibili. Vedendo l’impatto positivo di questi cambiamenti, abbiamo deciso di integrare la nostra organizzazione con Oppo.

Pete Lau non specifica ancora in cosa consisterà questa partnership rafforzata dei due marchi, ma spiega che consentirà a OnePlus di sfruttare “più risorse per creare prodotti ancora migliori”.

Rimarranno due brand diversi

Il co-fondatore di OnePlus, tuttavia, vuole rassicurare la community: il marchio OnePlus non scomparirà. “Continueremo a operare in modo indipendente, concentrandoci sul fornire i migliori prodotti e l’esperienza come abbiamo sempre fatto. “Continuiamo a lanciare prodotti OnePlus, organizzare e interagire con i nostri fan”, aggiunge Pete Lau.

Eppure, da poco più di un anno, il cambio di strategia di OnePlus (passato da quattro nuovi smartphone all’anno a sette nel 2020) non è rassicurante. L’anno scorso ci chiedevamo se OnePlus fosse ancora OnePlus.

Avvicinandosi ancora di più a Oppo, il brand potrebbe commercializzare ancora più smartphone nella fascia entry e mid-range, con il rischio di avere a che fare con modelli “riciclati” dal solo logo diverso.

L’articolo OnePlus annuncia la fusione con Oppo per creare sinergie sembra essere il primo su Cellulare Magazine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *