Spotify raggiunge 1 miliardo di download dal Play Store

Spotify raggiunge 1 miliardo di download dal Play Store Android Blog Italia.

Spotify è senza dubbio il servizio di streaming musicale più popolare al mondo con i suoi 356 milioni di utenti e, a conferma di ciò, l’applicazione è diventata la prima nella sua categoria a superare 1 miliardo di download dal Play Store di Google su Android.

Ora che Google Play Music è stato eliminato per sempre (la principale app di streaming che veniva pre-installata nei nuovi smartphone) e YouTube Music non sta appassionando la maggiore parte degli utenti Android, ora è Spotify l’app musicale più scaricata sulla piattaforma. In particolare, Spotify è salito rapidamente da 500 milioni di download a 1 miliardo in poco più di due anni.

Le ambizioni dell’azienda sembrano essere però ancora lontane dal vedere una fine. Oltre ad espandere la sua vasta base di utenti sia gratuiti che abbonati, Spotify sta investendo in modo aggressivo su una piattaforma di podcast proprietaria, sta competendo direttamente con Audible / Amazon lanciando audiolibri (con queste aziende la competizione è accesa anche sul fronte dei podcast), lanciando un assistente vocale personale e persino lanciando dispositivi hardware sviluppati in casa.

Ma non è tutto rose e fiori: i tentativi di Spotify di creare un giardino recintato di musica, audiolibri e podcast hanno portato l’a<l’azienda a rivedere al rialzo i suoi prezzi mentre i pagamenti verso gli artisti sono fra i più bassi della categoria (Apple Music ad esempio paga in media il doppio per ogni stream musicale rispetto a Spotify).

Ad ogni modo, se siete fra i pochi a non aver scaricato Spotify sul vostro smartphone e volete provare il servizio (anche nella sua forma gratuita), vi basterà cliccare sul nostro app box sottostante che vi riporterà direttamente sulla pagina dedicata del Google Play Store.

Spotify: ascolta musica, podcast e crea playlist (Free, Google Play) →

VIA

Spotify raggiunge 1 miliardo di download dal Play Store Android Blog Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *