Google Foto ha un bug che satura lo spazio cloud a disposizione, lo avete notato? (foto)

Google Foto è il servizio cloud che BigG propone per gestire le foto e i video sincronizzati su cloud tramite il proprio account personale, e che si basa su Google One, il servizio in abbonamento disponibile in diversi pacchetti a pagamento.

Nelle ultime ore sono trapelate online diverse segnalazioni che riportano un bug tanto strano quanto fastidioso: gli utenti afflitti dal bug riscontrano un aumento anomalo e ingiustificato dello spazio cloud occupato dai propri contenuti, il quale sarebbe causato proprio da Google Foto. Tale aumento sarebbe infatti avvenuto nel giro di poche ore e non dipenderebbe in alcun modo dai contenuti caricati dagli utenti, proprio perché molti di essi hanno selezionato il backup delle immagini in Alta Qualità, il quale non dovrebbe occupare spazio.

LEGGI ANCHE: tutte le novità di Android 12 DP3

È ancora più curioso il fatto che Foto propone agli utenti afflitti dal bug di comprimere le immagini presenti su cloud in Alta Qualità per recuperare lo spazio che effettivamente viene occupato in modo ingiustificato. Per capirci, Foto proporrebbe agli utenti di comprimere in Alta Qualità le immagini che sono già compresse in Alta Qualità. Il bug consisterebbe dunque nel fatto che Google Foto riconosce le immagini salvate in qualità originale quando in realtà non lo sono.

Tale bug risulta fastidioso soprattutto perché molti utenti si sono ritrovati con lo spazio cloud associato al proprio account Google saturo, mentre alcuni hanno ecceduto la soglia massima: questo ha comportato l’impossibilità di ricevere email e accedere ai contenuti su Drive. Per alcuni attivare la ri-compressione delle immagini ha funzionato, recuperando lo spazio occupato ingiustificatamente, mentre altri non hanno risolto. Fateci sapere se anche a voi è capitato lo stesso spiacevole imprevisto.

L’articolo Google Foto ha un bug che satura lo spazio cloud a disposizione, lo avete notato? (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *