Fitbit Charge 4 si aggiorna mostrando i valori SpO2 direttamente sulla band

Fitbit Charge 4 si aggiorna mostrando i valori SpO2 direttamente sulla band Android Blog Italia.

Fitbit Charge 4 sta ricevendo il suo secondo importante aggiornamento. Mentre il precedente era incentrato sul posizionamento, questo riguarda i dati sanitari poiché sono state trasferite diverse funzionalità dal Fitbit Sense.

Prima di tutto, il Fitbit Charge 4 ora mostra le letture corrette dal suo sensore SpO2 sul display della smart band stessa. Per semplificare la lettura e tenerla sempre sott’occhio, si può usare il nuovo quadrante messo a disposizione. Inoltre, il wearable ora monitorerà la temperatura della pelle (cosa che solo l’orologio Sense potrebbe fare), trasformandosi anche in un utile termometro.

Ancora meglio, Fitbit sta rendendo la dashboard Health Metrics gratuita per gli utenti in possesso di Charge 4, Versa 2 e Inspire 2. In precedenza, era necessario un abbonamento Fitbit Premium per visualizzare i dati biometrici dettagliati (inclusa la frequenza respiratoria e la variabilità della frequenza cardiaca).

C’è però un cavillo tuttavia: gli utenti non abbonati possono vedere solo i dati dell’ultima settimana mentre chi è abbonato Premium può vedere i dati dell’ultimo mese (una limitazione abbastanza stupida che però serve a mantenere l’abbonamento Premium più rilevante).

L’app Fitbit ora può anche monitorare il livello di glucosio. Non avendo però wearable in grado di farlo da se, bisogna inserirlo manualmente nell’app. Tuttavia, questo crea un registro utile che aiuta gli utenti a identificare i modelli nel tempo.

Prima di lasciarvi, vi vogliamo ricordare che l’acquisizione di Fitbit da parte di Google è stata ormai finalizzata con la UE che ha dato la sua approvazione. Tuttavia, allo stesso tempo ha richiesto molte clausole sul non utilizzo dei dati medici e fisici degli utenti per migliorare il targeting delle pubblicità.

VIA  FONTE

Fitbit Charge 4 si aggiorna mostrando i valori SpO2 direttamente sulla band Android Blog Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *